Sohei Nishino: “Diorama Map”

“Credo che la mia fotografia consista nel fissare ciò che la mia memoria ha assorbito e percepito dalla città”.

Sohei Nishino è una delle stelle nascenti della fotografia contemporanea giapponese. Scoperto nel 2008 dal curatore Michael Hoppen, Nishino è famoso per costruire straordinari diorami fotografici di dimensioni monumentali, che riscrivono le impressioni delle principali città del mondo. Nato a Hyogo, nel 1982, Nishino studia alla Osaka University of Arts, per poi diventare assistente del fotografo Hiromi Tsuchida. Ispirato dal cartografo giapponese Ino Tadataka e dotato di una grandissima abilità di osservazione, Nishino costruisce straordinarie mappe che non intendono essere precise ricostruzioni geografiche, quato piuttosto perfette miscele di punti di riferimento e caratteristiche iconiche della memoria dell’artista.

Frutto di lunghi viaggi attraverso molte città, tra cui Osaka, sua città natale, Hiroshima, Kyoto, Tokyo, Hong Kong e Shanghai, New York, Parigi, Londra e la sua ultima creazione Istanbul, “Diorama Map” è una serie originale e interessante. Il fotografo giapponese assembla con maestria e pazienza la ricostruzione mnemonica delle sue impressioni attraverso un linguaggio fantastico. Nishino produce circa 6000-7000 immagini mentre attraversa ogni città. Sviluppa le pellicole nel suo studio, stampa le immagini nella camera oscura e con calma ritaglia ciascuno dei provini a mano, riponendoli come fossero un puzzle su una tavola bianca.

In un processo che è quasi interamente analogico, il fotografo giapponese fa affidamento alla tecnologia per produrre l’immagine finale. Il collage viene, infatti, fotografato attraverso l’unione digitale di fotografie di nove primi piani, che vengono riuniti in Photoshop, per poi essere stampati. Nel montaggio meticoloso di questi photomaps, Nishino crea opere d’arte epiche che, nonostante raffigurino al loro interno molte iconografie familiari della modernità e della post-modernità, assomigliano alle carte medievali o rinascimentali delle attuali città moderne. Mappe dove tutto appare disarticolato, niente sembra in scala ed intere aree risultano mancanti o sembrano schiacciate e fuori proporzione. Così i due mondi apparentemente opposti della realtà e della visione artistica, interagiscono tra loro con un equilibrio preciso, che porta sempre una certa relazione, come se lo specchio della visione creativa rifletta ciò che l’equilibrio scientifico non è capace di cogliere. Se volete vedere il lavoro di altri maestri della fotografia vi rimando alla sezione Maestri della fotografia. Se, invece, volete approfondire le nuove correnti fotografiche e i nuovi autori della fotografia artistica, vi rimando alla sezione Fotografia Artistica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.