Mettere a fuoco un’immagine in fotografia

La fase di messa a fuoco consiste nella regolazione della distanza del gruppo-lenti dell’obiettivo dalla pellicola o dal sensore in modo che su quest’ultimo sia proiettata un’immagine nitida dell’elemento prescelto.

Piano focale e profondità di campo

Quando guardiamo un oggetto, i nostri occhi lo mettono a fuoco automaticamente; ciò avviene perché compiono una messa a fuoco continua di ciò che si trova nel nostro campo visivo. Gli obiettivi della fotocamera, invece, mettono a fuoco su una distanza specifica, quella che viene definita “piano focale“.

Tuttavia oltre al piano focale, percepiamo come nitido uno spazio davanti e dietro di esso, che chiamiamo: profondità di campo.

La profondità di campo varia a seconda della lunghezza focale utilizzata, dell’apertura, della distanza del soggetto e della grandezza del sensore.

1) Lunghezza focale: maggiore è la lunghezza focale, o maggiore è lo zoom nelle nostre fotocamere, più stretta sarà la profondità di campo. Minore la lunghezza focale maggiore sarà la profondità di campo.

2) Apertura: come discusso nell’articolo diaframma e profondità di campo, più stretta è l’apertura ( e quindi più grande è il numero F stop) maggiore sarà la profondità di campo. Più grande è l’apertura ( e quindi più piccolo numero di F stop) minore sarà la profondità e maggiore l’effetto sfocato dal soggetto.

3) Distanza dal piano focale: per una data lunghezza focale e un’apertura, più vicino è il piano focale, più stretta è la profondità di campo.

4) Dimensioni del sensore della fotocamera: la profondità di campo è inversamente proporzionale alle dimensioni del formato del sensore quando viene calcolata la lunghezza focale effettiva. Quindi più grande è il sensore, minore è la profondità di campo.

Vedi un esempio nell’immagine in basso, con apertura di diaframma differenti.

Esiste inoltre una regola, ma dobbiamo tenere in considerazione che non sempre risulta esatta, che dice che la profondita di campo che percepiamo come nitida equivale ad 1/3 della distanza davanti al nostro piano focale e i restanti 2/3 nella parte posteriore al piano.

Distanza minima di messa a fuoco

Tutti gli obiettivi sono caratterizzati da una minima distanza di messa a fuoco, al di sotto della quale non è possibile ottenere fotografie nitide.

Come si mette a fuoco in fotografia?

Messa a fuoco manuale e automatica

Possiamo mettere a fuoco manualmente o in maniera automatica. Con le fotocamere tradizionali, per una corretta messa a fuoco, si deve ruotare la ghiera presente sull’obiettivo, mentre in quelle dotate di autofocus (AF) è sufficiente premere a metà corsa il pulsante di scatto: lo spostamento del gruppo delle lenti, in questo caso, avviene grazie ad un piccolo motore elettrico.

Come funziona il sistema di Autofocus

Con l’avanzare della tecnologia, le case costruttrici di macchine fotografiche hanno capito come motorizzare il corpo macchina e le lenti per spostare gli elementi di messa a fuoco o il gruppo di messa a fuoco per avvicinarlo o allontanarlo dal sensore o dalla pellicola. La stragrande maggioranza delle fotocamere di oggi non dispone di motori autofocus all’interno del corpo macchina, ma si basa su piccoli motori integrati negli obiettivi, che vengono controllati dalla fotocamera stessa.

Sistema autofocus attivo e passivo

La messa a fuoco automatica può avvenire secondo un sistema attivo oppure un sistema passivo. Con il sistema attivo, la fotocamera emette delle onde a infrarossi verso il soggetto e misura il tempo di ritorno di queste onde riflesse dal soggetto. La messa a fuoco sull’ottica è di solito controllata elettronicamente. I dati ottenuti dalla misurazione della distanza vengono elaborati da una unità elettronica. I sistemi passivi non utilizzano alcun tipo di energia da inviare al soggetto dalla fotocamera. Al posto di questo, i sistemi passivi utilizzano la luce naturalmente riflessa dal soggetto. Possono essere di due tipologie:

1) rilevamento di fase

2) rilevamento di contrasto

Altri articoli del corso di fotografia gratuito

Questo articolo fa parte del corso gratuito online di fotografia dove troverete una grande raccolta di articoli per imparare la tecnica e la teoria fotografica, in modo tale da sfruttare le funzioni e le potenzialità della nostra macchina fotografica.

Summary
Mettere a fuoco un'immagine in fotografia
Article Name
Mettere a fuoco un'immagine in fotografia
Description
In questo post vedremo cos'è la Messa a fuoco, cos'è la distanza iperfocale, e come a mettere a fuoco correttamente a secondo delle situazioni.
Author
Publisher Name
Fotografia Artistica

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.