Alexander Gronsky: psico-geografia fotografica

La fotografia di Alexander Gronsky indaga l’ambiguità delle zone che si trovano al confine tra i grandi agglomerati urbani e gli spazi rurali. Laddove le città si diradano e  si fa largo la natura, la neve sembra unificare il paesaggio e collegare le figure, ricoprendo e astraendo ogni superficie, al fine di appiattirne le distinzioni. 
AlexanderGronsky fotografia fotografo paesaggio neve

La vita di Alexander Gronsky

Nato nel 1980 a Tallinn, in Estonia, Alexander ha iniziato a lavorare come fotografo all’età di 18. Entrato a far parte dell’Agenzia Photographer.ru nel 2003, lo stesso anno è stato selezionato come finalista del Joop Swart Masterclass in Olanda.
gronskij alexander paesaggio neve confine geografiaTrasferitosi a Mosca nel 2005, è stato finalista del più grande premio russo indipendente nel campo dell’arte contemporanea, il Premio Kandinsky e nel 2009 ha vinto ha vinto il Premio Giovane Fotografo Linhof. Con la serie Pastoral (2008-2012), Gronsky ha vinto il prestigioso Aperture Portfolio Prize nel 2009.
Alexander_Gronsky_russia fotografia immagini paesaggio a colori

La fotografia di Alexander Gronsky

Con i suoi scenari desolati  il fotografo estone riscopre la nozione di psico-geografia e analizza gli effetti dell’ambiente circostante sulle emozioni e sui comportamenti delle persone. 
04-Strogino_from_the_series_The_Edge_2009__Alexander_Gronsky.jpgSullo sfondo una Russia fatta di ghiaccio, di macchine fuorimoda, di palazzi in rovina. La figura dell’uomo appare appena, se manca, è presente qualcosa  a lui strettamente correlato: cani, macchine, panni messi ad asciugare. Immagini che trasmettono la desolazione, la solitudine e il senso di vago disagio di chi viene a trovarsi in un punto indefinito.
gronsky-neve cane paesaggi senza uomo
Attraverso uno stile minimalista, Gronsky cattura delle scene dal pregnante significato allegorico. Il suo abile uso della prospettiva e il talento per la composizione portano l’occhio dell’osservatore in profondità nella scena. Il fotografo usa una fotocamera Mamiya 7,  relativamente portatile e discreta, che gli consente di non dare troppo nell’occhio.

Alexander Gronsky neve paesaggio

Pastoral

Nel suo progetto fotografico intitolato Pastoral, Alexander Gronsky ritrae le zone tra la periferia di Mosca e la campagna che la circonda. Il termine Pastoral allude a un’idea di mondo perfetto, dove le persone si integrano idilliacamente con la natura. Le immagini di Gronsky, tuttavia, riportano la stranezza di questo nuovo connubio, creatosi in queste zone di confine: bagnanti che si sdraiano vicino ai cantieri o persone che passeggiano tra cumuli di detriti urbani.

lexanderGronsky_Pastoral libro fotografia natura paesaggio

La frase di Alexander Gronsky

“Guardare un’immagine è come meditare: ci vuole tempo e soprattutto totale assenza di rumori di fondo per capire davvero una fotografia”.

Per conoscere altri Maestri della fotografia

Vi consiglio di dare uno sguardo al sito dell’artista per avere una visione completa della sua opera. Se volete vedere il lavoro dei maestri della fotografia vi rimando alla sezione Maestri della fotografia. Se, invece, volete approfondire le nuove correnti fotografiche e i nuovi autori della fotografia artistica, vi rimando alla sezione Fotografia Artistica.

2 COMMENTS

  1. Greetings from Finland. This, through a blog is a great get to know other countries and their people, nature and culture. Come take a look Teuvo images and blog to tell all your friends that your country flag will stand up to my collection of flag higher. Sincerely, Teuvo Vehkalahti Finland

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.